prova
Contatti:
3336604850
011.95.34.390
Top
approccio cranio sacrale

Osteopatia con approccio CRANIO-SACRALE

L’ osteopatia è una disciplina olistica che interviene su più ambiti per regolare l’ omeostasi del corpo umano.

Uno tra le più importanti è sicuramente legato all’approccio CRANIO-SACRALE …

 

Osteopatia ed il suo l’approccio più dolce

Gran parte delle problematiche fisiche come il mal di schiena, il mal di testa, la cervicalgia, la lombalgia, la lombosciatalgia, l’ emicrania, la cefalea, che si manifestano con  sintomatologia dolorosa, possono dipendere da un mal funzionamento del movimento cranio sacrale.

La medicina classica occidentale non riteneva possibile un movimento delle varie ossa che costituiscono il cranio e ancora oggi esistono medici che non ritengono rilevanti le disfunzioni craniche.

cranio

L’ osteopatia con queste tecniche funzionali riesce a risolvere molte problematiche della vita quotidiana, sia che queste siano di origine traumatiche che di origine posturale.

 

La valutazione

Una valutazione osteopatica cranica vede l’operatore appoggiare le sue mani su punti di reperi specifici del cranio del soggetto. Attraverso l’attivazione di movimenti minori quasi impercettibili all’occhio umano, si rilasciano informazioni che portano un riequilibrio e beneficio dello stesso soggetto. Il soggetto durante una seduta può percepire un piccolissimo movimento delle dita dell’operatore.

Un moto ondulatorio“, “come se fossi su una barca“; queste sono le parole utilizzate dai più che si sottopongono ad un trattamento cranio sacrale.

Una seduta tipo, può variare da 20 minuti ad un massimo di 40, a seconda delle problematiche rilevate. Al termine della seduta molte volte il soggetto ha un senso di torpore, di addormentamento generale ed offuscamento della vista. Questo perchè attraverso l’attivazione fasciale dei movimenti minori del cranio, la pressione all’interno del cranio cambia. Il recupero della mobilità della sfenobasilare (articolazione fondamentale del movimento) porta ad un senso di leggerezza e benessere.

 

Chi può beneficiarne

La fascia d’età che può trarre beneficio da questo genere di approccio, è quella a partire dai primi 15 gg di vita (per riorganizzare la condizione post-parto) passando al classico dipendente che mantiene posture inadeguate, fino ad arrrivare a persone anziane con problematiche croniche avanzate.

Questo genere di intervento ancora ad oggi non viene riconosciuto come terapia sanitaria, anche se alcuni dei migliori ospedali d’Italia, hanno cominciato a collaborare con operatori specializzati in osteopatia neonatale.

In Molti Paesi della Comunità Europea, proprio sul neonato, si attua un percorso di prevenzione e cura. Questo può far comprendere la potenza ed allo stesso tempo la delicatezza di questo genere di approccio

Se hai ritenuto interessate questo articolo, condividilo con i tuoi contatti sui social.

 

Scopri di più sullo Studio Mpa

Ottieni subito un preventivo gratuito su una visita o un trattamento

No Comments

Post a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi